Omelia XXI domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Joshua and the israelites

Omelia XXI domenica del Tempo Ordinario – Anno B: 

Oggi sono esattamente sei anni da quando sono diventato sacerdote della Chiesa cattolica. È sinceramente un sei anni di grazia per me. E vorrei chiedere a tutti voi di pregare per me oggi. Pregate per la mia famiglia, per i miei benefattori, per la mia diocesi e per tutto il popolo di Dio, specialmente per coloro che mi hanno chiesto di pregare per loro. Prometto anche di pregare per ognuno di voi qui oggi.

Tuttavia, nella prima lettura di oggi, Giosuè chiede agli Israeliti: “sceglietevi oggi chi serve: se gli dèi che i vostri padri hanno servito oltre il Fiume oppure gli dèi degli Amorrèi, nel cui territorio abitate. Quanto a me e alla mia casa, serviremo il Signore”. Era in grado di fare una scelta per la sua casa o per la sua famiglia, ma purtroppo nel nostro mondo di oggi, possiamo ancora fare una scelta morale a favore della nostra famiglia? L’individualismo ha distrutto i valori della maggior parte del mondo di oggi, soprattutto in Europa e in America. L’Africa non è esclusa. I genitori non fanno più una scelta per i loro figli adulti soprattutto in materia di Dio e di morale. Tutti rivendicano l’autonomia, eppure il mondo continua a naufragare nell’infedeltà. Le Chiese si svuotano di giorno in giorno perché la gente continua a cercare la felicità e l’appagamento al di fuori di Dio. Finiscono per essere più vuote e insoddisfatte di prima. Al giorno d’oggi, le persone hanno scuse per non andare in chiesa, ma non hanno scuse per non essere sul posto di lavoro. La priorità del mondo continua a cambiare. Il nuovo dio del mondo oggi è la libertà illimitata di scelte e il materialismo. E a causa di questo, ci sono così tanti cristiani inattivi più dei cristiani attivi. Giosuè ci sta ricordando oggi la necessità di fare una nuova scelta del Dio che vogliamo adorare. Vuoi adorare il Dio vivente o vuoi adorare il dio del materialismo?

Come ai tempi di Gesù, molte persone che si riunivano intorno a lui per nutrirsi dei suoi miracoli di pane e pesce si rifiutarono di credere in lui dopo. Erano tutti interessati solo ai guadagni materiali. Lasciarono tutti Gesù quando predicò loro il messaggio della vita eterna. È esattamente la stessa cosa nella maggior parte delle nostre chiese oggi. Selezioniamo solo il particolare messaggio che vogliamo sentire dalla Bibbia e ci sentiamo offesi dal resto. Se siamo veramente cristiani come dovremmo essere, allora non dobbiamo scoraggiarci durante questo periodo difficile. Non dobbiamo smettere di andare in chiesa perché la gente intorno a noi non va più in chiesa. Non dobbiamo smettere di andare a confessarci perché molte persone non ci vanno più. Non dobbiamo smettere di ricevere la Santa Comunione durante la celebrazione delle sante messe. Non dobbiamo smettere di parlare di Dio ai nostri figli e nipoti anche se si rifiutano di ascoltarci. Dobbiamo essere più coraggiosi come cristiani, indipendentemente dalle sfide che dobbiamo affrontare. In mezzo a un mondo pazzo che si sta gradualmente allontanando da Dio, dobbiamo essere fermi come Pietro per dire: “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio”. Chiediamo dunque a Dio in questa santa messa di concederci il dono di una fede forte che ci permetta di rimanere fedeli a Dio fino all’ultimo giorno della nostra vita sulla terra. Amen.

 

-Don Justin Nzekwe

Please support our mission by filling the donation form below>>>>